lunedì 17 marzo 2014

SUCCESSO PER LA CULTURA CRESCE IN RETE

Dieci anni d'attività culturale festeggiati a Valmontone, all'interno delle sale di Palazzo Doria Pamphilij a Valmontone lo scorso giovedì 13 marzo. Solenne e particolarmente sentita la cerimonia del decennale del più grande Sistema Museale della Regione Lazio. Grandissima la partecipazione e l'interesse, presenti infatti molti Sindaci e Amministratori del territorio che hanno firmato, rinnovando la convenzione per altri dieci anni di cultura.
A fare gli onori di casa oltre al Sindaco di Valmontone  Alberto Latini  e al vice Sindaco  Eleonora Mattia , anche  Monica di Gregorio  che ha moderato l'incontro. Nel corso della cerimonia sono intervenuti la Direttrice del Sistema Museale  Giovanna Cappelli , il Presidente della Comunità Montana  Giuseppe De Righi , il Direttore dell'Agenzia Territoriale Turismo  Giovanni Bastianelli , il Direttore dell' Area Servizi Culturali della Regione Lazio  Claudio Cristallini , e l’Assessore alle Politiche culturali della Regione Lazio  Lidia Ravera .

"Sin dall'inizio abbiamo creduto in questo progetto - ha dichiarato il Presidente  Giuseppe De Righi - e i fatti dimostrano che abbiamo fatto bene. La Comunità Montana si è impegnata nel tempo a far crescere e ad ampliare il raggio di azione racchiudendo nel sistema la maggior parte delle istituzioni museali del territorio, promuovendone l'attività e organizzando eventi e iniziative estremamente interessanti e di qualità. Dunque un progetto - conclude  De Righi  - che ci rende orgogliosi e ci spinge a fare ancora di più e meglio insieme a tutte le amministrazioni che oggi sono intervenute per rinnovare la convenzione".  
"La cultura è uno strumento per valorizzare il passato, comprendere il presente e non subire il futuro - ha dichiarato  Lidia Ravera  - e investire sulla cultura, soprattutto in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, significa investire sulla nostra identità. Per questo l'unica via percorribile è fare sistema per sentirsi una comunità e non una somma di individui. E' importante dunque - ha concluso l'Assessore regionale - creare e gestire sistemi in grado di promuovere su ampia scala un patrimonio così grande".