mercoledì 7 maggio 2014

PROTEGGIAMO IL SUOLO - PROPOSTA DI LEGGE

LEGGE QUADRO PER LA PROTEZIONE E LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL SUOLO - DISEGNO DI LEGGE 1181
Il suolo rappresenta la piattaforma dell'attività umana, oltre a costituire l'habitat di gran parte degli organismi della biosfera; esso è fonte di materie prime ed è testimone degli ambienti del passato; esso inoltre è componente essenziale della Zona Critica della Terra, cioè dello strato che si estende dal limite più esterno della vegetazione fino alla zona in cui circolano le acque sotterranee. Il suolo è una risorsa soggetta a processi di formazione estremamente lenti e pertanto è da considerarsi una risorsa non rinnovabile.
La presente legge istituisce un quadro per la protezione e la gestione sostenibile del suolo e la conservazione delle sue capacità di svolgere una qualsiasi delle funzioni e servizi economici, ambientali, sociali e culturali: produzione di alimenti e altre biomasse, in particolare nei settori dell’agricoltura e della selvicoltura; stoccaggio, filtrazione e trasformazione di nutrienti, sostanze e acqua; riserva di biodiversità, ad esempio habitat, specie e geni; stoccaggio di carbonio; fonte di materie prime; ambiente fisico e culturale per le persone e le attività umane; sede del paesaggio ed archivio del patrimonio ambientale, archeologico e scientifico-culturale. A tal fine vengono istituite misure per la conoscenza e per la prevenzione dei processi di degrado del suolo dovuti a cause naturali o a diverse attività umane che ne pregiudichino la capacità di svolgere tali funzioni e servizi.
Le finalità della legge quadro sono di mantenere le funzioni ed i servizi ecosistemici dei suoli prevenendo il loro degrado; riportare i suoli degradati, ove tecnicamente possibile, ad un livello di funzionalità corrispondente alla loro naturale potenzialità, considerando pertanto anche le implicazioni, in termini di costi, del ripristino del suolo; migliorare la gestione del suolo evitando di esporlo alle principali minacce, tutelando in tal modo i suoli integri dal punto di vista della loro funzionalità e dei loro servizi ecosistemici, e favorendo il miglior uso di suoli già compromessi.