lunedì 11 agosto 2014

E se invece dei Castelli della Sapienza...


Ogni anno il comune di Gallicano nel Lazio spende la cifra di 6.266,00 € (soldi pubblici, quindi dei cittadini) per aderire al Consorzio dei Castelli della Sapienza.

L'accordo fra i comuni prevede la corresponsione di un euro a cittadino.

Non sembrerebbe una cifra ragguardavole, ma comunque potrebbe essere spesa per iniziative sicuramente più utili.

Vediamo cosa si sarebbe potuto fare quest'anno con circa 6.000 euro (e come tale cifra viene spesa, ad esempio, da altri comuni italiani):

SPORT: il Comune di Siena, ad esempio, nel 2010 ha finanziato le iniziative sportive di associazioni senesi con un impegno di spesa annuale di circa 6.000 euro.

VERDE: il Comune di Castiglione a Casauria, nel 2013, ha speso 6.000 euro per lavori di decespugliazione aree e strade comunali.

SOCIALE: il Comune di Uboldo, nel marzo scorso, ha impegnato 6.000 euro per un servizio pasti a domicilio per anziani e disabili.

SICUREZZA STRADALE: il Comune di Castiglione Olona, l'anno scorso, ha impegato 6.000 euro peril potenziamento ed il miglioramento della segnaletica stradale.

Insomma si sarebbero potute fare tante cose. L'elenco sarebbe lungo.

E secondo voi, è utile restare ancora all'interno del consorzio "i Castelli della Sapienza"? O sarebbe meglio per il Comune di Gallicano nel Lazio, uscirne e spendere questi 6000,00 euro per iniziative ben più utili e magari urgenti?

QUI L'INTERROGAZIONE

Seguiranno aggiornamenti.