venerdì 15 agosto 2014

Governance locale, un modello concreto

Pubblicata il 7 agosto, la prassi di riferimento "Linee guida per la governance di un Ente locale attraverso il coinvolgimento della comunità di riferimento e delle parti interessate" (scarica il documento).
Il documento, frutto della collaborazione tra UNI e il Comune di Capannori (LU), è una linea guida che fornisce una serie di indicazioni per la governance di un Ente locale in grado di prendere ed attuare decisioni per perseguire obiettivi e risultati condivisi, grazie ad azioni che assicurino il coinvolgimento e la partecipazione delle parti interessate, ed in particolare della propria comunità di riferimento. Il documento specifica le modalità di attuazione di scelte sostenibili attraverso la capacità di fare rete, informare, comunicare e rendere conto – nell'accezione di accountability – fornendo esempi pratici in relazione alle tematiche ambientali, sociali e di partecipazione.
Prendendo spunto dalle numerose attività ed esperienze vissute in un decennio dall’Amministrazione Comunale di Capannori, da maggio 2004 a maggio 2014, il documento si rivolge ad altre amministrazioni pubbliche desiderose di percorrere un cammino di novità nel modello di governo di un Ente locale, e si propone l’obiettivo di individuare e fornire delle linee guida e di indirizzo anche attraverso la descrizione puntuale di progetti reali e di esperienze pratiche condotte in un territorio piuttosto articolato, costituito da 40 frazioni, con una popolazione intorno ai 46.500 abitanti.
Nel documento sono descritte le diverse fasi che caratterizzano il processo decisionale per la governance di un Ente locale, partendo dall'analisi del contesto e dalla definizione degli obiettivi, ed introducendo il concetto che al centro di tutte le azioni di governo ci debba essere il coinvolgimento della comunità di riferimento e delle parti interessate, anche e soprattutto nell'ottica di una innovativa forma di democrazia diretta, partecipata, che si esplicita e concretizza nella capacità di ascolto e di dialogo tra i cittadini e l'Ente locale. La prassi di riferimento si struttura in modo da prevedere una valutazione sia degli strumenti operativi che permettono di raggiungere gli obiettivi prefissati, che dei principi alla base di un'efficace comunicazione ed informazione, rivolte all'interno e all'esterno della comunità. Alla base dell'intero documento vi è il principio dell'importanza fondamentale di una vision di quello che potrà essere un territorio e una comunità, puntando sul concetto di "sviluppo etico", improntato alla sostenibilità ambientale, sociale – cultura, formazione, sicurezza e benessere dei cittadini – ed economica – diritto al lavoro, tessuto economico e produttivo – quale elemento innovativo per la valorizzazione di un territorio e della comunità che lo abita.
La prassi di riferimento UNI/PdR 9:2014 “Linee guida per la governance di un Ente locale attraverso il coinvolgimento della comunità di riferimento e delle parti interessate” è disponibile e liberamente scaricabile dal sito UNI.
Si ricorda che le prassi di riferimento (vedi le prassi sinora pubblicate >>) non sono norme ma documenti, al servizio della normazione stessa e del mercato, che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di elaborazione ristretta ai soli autori, sotto la conduzione operativa di UNI.
Una risposta tempestiva, dunque, alle richieste del mercato in rapida e continua evoluzione.