domenica 14 dicembre 2014

CONOSCERE L'EUROPA: il progetto KASSETTS

Il progetto KASSETTS, finanziato dal programma Central Europe, intendeva fornire un servizio nuovo alle imprese in maniera tale da facilitare l’aggregazione della domanda di trasporto proveniente dalle aziende stesse, portando anche alla creazione di nuovi modelli di business per le imprese e per i trasportatori.


La partnership del progetto ha visto la partecipazione complessiva di otto soggetti europei, sia italiani che stranieri, provenienti da sette regioni di tutta Europa:
- Lead Partner: ITL – Istituto sui Trasporti e la Logistica, Bologna, Italia
- Partner 1: Università di Modena e Reggio Emilia, Italia
- Partner 2: Istituto di Logistica e Warehousing, Polonia
- Partner 3: Fraunhofer Institute for Factory Operation and Automation, Germania
- Partner 4: Università Tecnica di Kosice, Slovacchia
- Partner 5: Agenzia regionale di sviluppo della Regione della Grazie Pianura Meridionale, Ungheria
- Partner 6: CDV Centro di Ricerca sui Trasporti, Repubblica Ceca
- Partner 7: Agenzia Regionale di Sviluppo MURA, Slovenia

Il progetto, iniziato a ottobre 2008 è terminato a marzo 2012; il suo budget complessivo ammontava a 2.412.214,12 euro, dei quali 780.490,00 dall’Emilia-Romagna (600.000 euro da ITL e 180.490 euro dall’università di Modena e Reggio Emilia).


Gli obiettivi del progetto KASSETTS erano i seguenti:
- ottimizzare e migliorare a livello locale ed internazionale le operazioni logistiche e di trasporto, in un’ottica di trasporto aggregato, nella quale ciascun broker è un ufficio logistico congiunto tra imprese manifatturiere in grado di raccogliere quotidianamente gli ordini di trasporto, aggregare ed ottimizzare a livello regionale ed internazionale la domanda di trasporto in base a destinazioni, quantità/volumi e frequenza, pianificare missioni di trasporto ottimizzate ed offrire tale domanda di trasporto aggregata ed ottimizzata agli operatori logistici;
- migliorare il proprio business, sia per le aziende che per il settore della logistica, con una possibilità di risparmio a livello economico.

Le principali attività di KASSETTS sono state:
- Analisi e studio dei bisogni manifestati dalle aziende e dal mondo imprenditoriale in materia di trasporto merci e raccolta di buone pratiche,
- Definizione di una strategia comune per l'innovazione logistica basata sulle TIC e definizione dei potenziali stakeholder interessati al tema,
- Organizzazione di incontri, seminari, workshop a livello locale per il coinvolgimento degli stakeholder locali nelle fasi successive del progetto (principalmente le aziende manifatturiere e le aziende di trasporto merci della regione),
- Elaborazione e sviluppo dell’applicazione software LSM (Logistics Server Manager) per supportare nella pratica quotidiana l’aspetto di organizzazione logistica dei trasporti merci, come l’organizzazione degli ordini, la presentazione di report con dati trasparenti, il calcolo delle performance ecc.
- Realizzazione delle azioni pilota in ciascun paese partner per testare l’applicazione software, con una fase preliminare di formazione delle aziende e dei servizi coinvolti per poi avviare una vera e propria fase di sperimentazione del software con la collaborazione delle aziende di trasporti e del mondo imprenditoriale,
- Elaborazione di una roadmap per la sostenibilità del software e della sua attuazione anche dopo la fine del progetto KASSETTS, attraverso una previsione di spesa e una previsione di gestione del software in futuro.

Il progetto KASSETTS ha avuto origine nel contesto presente in Emilia-Romagna, una regione caratterizzata dalla presenza di piccole e medie imprese, con settori produttivi di vario genere (es. tessile, automobilistico, meccanico, alimentare) e molto concentrati in alcune zone specifiche. Queste aziende generano un enorme flusso di trasporto merci, con incidenza in particolare sul traffico su strada. Analizzando la situazione è stato possibile rendersi conto che la situazione della logistica si presentava caotica, poco razionale e poco organizzata per cui creava diversi disagi al traffico stradale, oltre a problemi di inquinamento atmosferico e acustico. Un altro aspetto rilevato era che nella maggioranza dei casi i mezzi circolavano non a pieno carico, per cui le aziende si sono dimostrate interessate ad ottimizzare e razionalizzare le opportunità di trasporto merci, nella convinzione che ci potessero essere importanti ricadute positive, sia dal punto di vista del traffico che dal punto di vista del risparmio economico per le aziende. Il progetto KASSETTS ha capitalizzato anche esperienze derivanti da altri progetti sul tema come Mataari e Stil e il broker della logistica.

KASSETTS ha preso in esame le buone pratiche relative ai bisogni manifestati dalle aziende e dal mondo imprenditoriale in materia di trasporto merci attraverso un’analisi relativa a come questo settore si potesse ottimizzare e razionalizzare, con benefici per aziende e l’economia locale.

Nello specifico, sono stati realizzati seminari e attività di formazione destinati sia al trasferimento delle buone pratiche all’interno del partenariato, sia alla formazione degli stakeholder e dei soggetti interessati a livello locale. È stata quindi sviluppata e testata con azioni pilota l’applicazione software LSM (Logistics Server Manager) per supportare nella pratica quotidiana l’aspetto di organizzazione logistica dei trasporti merci, come l’organizzazione degli ordini, la presentazione di report con dati trasparenti, il calcolo delle performance ecc. Le soluzioni ICT sviluppate in Emilia-Romagna sono state adattate ai vari contesti europei, affinché fossero semplici da utilizzare in contesti imprenditoriali eterogenei, sebbene alcune imprese, specialmente PMI, siano ancora poco abituate ad utilizzare soluzioni informatiche per la gestione delle attività logistiche.

Sito web del progetto