lunedì 15 dicembre 2014

Turismo: una guida ai finanziamenti dell'UE 2014-2020

Sarà perché solo di recente il turismo è diventata materia di competenza comunitaria, sarà soprattutto per la natura stessa del turismo, che si intreccia con molti altri settori come l’ambiente, la cultura, lo sport e il tempo libero, ma per trovare risorse europee utilizzabili per progetti turistici bisogna passare al setaccio diversi strumenti finanziari, che oltretutto sono rivolti prioritariamente ad altro. Questo fatto non aiuta i soggetti che a diverso titolo si occupano di turismo ad individuare lo strumento più idoneo per loro e a capire come muoversi per recuperare finanziamenti per le loro idee progettuali, considerando anche che i programmi sono molto diversi l'uno dall'altro e spesso sono molto articolati al loro interno.
Per superare questa difficoltà e aiutare gli operatori del settore turistico (settore che –è bene ricordarlo-  rappresenta la terza maggiore attività socioeconomica dell’UE) a orientarsi fra i diversi strumenti finanziari e trovare quello che meglio risponde ai loro bisogni, la Commissione europea – DG imprese e industria -  ha realizzato una guida ai finanziamenti UE per il settore turistico.
Tenendo conto della complessità del settore, dove molto diversi possono essere i soggetti coinvolti e molto diverse le loro esigenze, la guida passa in rassegna i principali programmi che a vario titolo contengono misure di finanziamento utili per il turismo e per ognuno di essi si concentra sulle informazioni pratiche, che permettono a chi legge di verificare rapidamente se un programma sia utile per le loro idee progettuali. Sono presi in esame quindi COSME, il programma per le PMI, che contiene misure specifiche per il turismo, LIFE, lo strumento finanziario per l’ambiente, HORIZON 2020, destinato alla ricerca, EUROPA CREATIVA, il programma per la cultura e la creatività,ERASMUS+, in particolare le azioni dedicate alla formazione ed EASI, per l’occupazione e l’innovazione sociale, assieme ai Fondi Strutturali e di Investimento.
Per ogni programma sono illustrate le tipologie di azioni finanziabili in tema di turismo, il livello di contributi erogati e le tipologie di soggetti ammissibili al finanziamento e infine esempi di progetti finanziati in passato, che aiutano a rendere più chiare e fruibili le informazioni relative alle azioni finanziate anche a chi non ha dimestichezza con i programmi di finanziamento comunitari.  
Prima di affrontare i programmi la guida descrive in un breve paragrafo le principali differenze fra ifinanziamenti diretti (tipicamente erogati attraverso inviti a presentare proposte (call for proposals) e i finanziamenti indiretti, erogati attraverso intermediari finanziari, e presenta una  tabella di corrispondenza fra i vecchi programmi (in vigore nel periodo 2007-2013) e i nuovi, in vigore fino al 2020, molto utile per aiutare chi già conosceva qualche programma a ritrovarlo nella nuova programmazione.
Le diverse parti della guida sono corredate da un utilissimo apparato di link per approfondire e aggiornare le informazioni presentate.
Al termine della carrellata dei programmi, una tabella riassume, per ognuno di essi, quali soggetti possono essere ammissibili ai finanziamenti.
La guida è disponibile solo in lingua inglese. L’auspicio è che prossimamente la Commissione decida di tradurla anche nella nostra lingua.

... Anticipazioni per il 2015
Relativamente al programma COSME, l’unico fra quelli citati che comprende azioni esplicitamente dedicate al turismo, la DG Imprese e industria ha già reso disponibile il programma di lavoro annuale 2015, lo strumento operativo che definisce annualmente come il programma verrà realizzato concretamente, ovvero gli obiettivi su cui concentrarsi nell'anno, le azioni per realizzarli, il loro budget e il calendario indicativo delle attività.
Per il settore turismo il programma COSME nel 2015 sovvenzionerà azioni tese a incrementare i flussi turistici in bassa stagione, a diversificare l’offerta e i prodotti turistici europei, a migliorare la qualità, l’accessibilità, la sostenibilità del turismo, le sue competenze, le informazioni e l’innovazione; a migliorare le conoscenze socioeconomiche del settore e ad aumentare la visibilità dell’Europa come destinazione turistica che riunisce molteplici e diversificate destinazioni turistiche.
Nello specifico la Commissione ha in programma il lancio dei seguenti inviti a presentare proposte:
1. Promozione dei flussi turistici di giovani e anziani
Budget: 1.700.000 euro.
2. Promozione di prodotti turistici tematici transnazionali
Budget: 1.700.000 euro
3. Destinazioni europee di eccellenza (EDEN)– azioni di sensibilizzazione e promozione 2015
Budget: 600.000 euro
4. Sostegno all’accessibilità del turismo: migliorare le strutture e i servizi per turisti con bisogni specifici (disabili, famiglie, anziani)
Budget: 900.000 euro
La pubblicazione di tutte e quattro le call è attesa fra gennaio e aprile 2015 e per tutte il contributo per progetto potrà coprire al massimo il 75% dei costi ammissibili

Formulari e Documenti