martedì 24 marzo 2015

Rate Equitalia: come fare domanda

Equitalia mette a disposizione dei cittadini delle condizioni particolarmente favorevoli conrate per il pagamento delle cartelle esattoriali.
I piani di pagamenti a rate cui si può accedere sono un piano di rateizzazione straordinario che permette di richiedere fino a 120 rate in 10 anni e un piano di rateizzazioni ordinario che permette di richiedere fino a 72 rate in 6 anni. Se non si riesce ad ottenere l’accesso ad un piano straordinario si può richiedere una dilazione ordinaria, essendo i due piani alternativi.
L’importo minimo della rata, salvo casi eccezionali, è di 100 euro e finchè i pagamenti risulteranno regolari il contribuente non risulterà più inadempiente ottenendo anche il Durc e il certificato di regolarità fiscale (che permette di poter accedere a lavori presso le pubbliche amministrazioni).
Il contribuente che decide di optare per il pagamento a rate non è più soggetto ad azioni cautelari o esecutive come fermi, ipoteche e pignoramenti.

Piano rateizzazioni straordinario in 120 rate

Se il contribuente è in grado di provare la sua grave situazione di difficoltà a causa della crisi economica, quindi situazione che non dipende dalla propria responsabilità, può richiedere di pagare le cartelle esattoriale con un piano di rateizzazioni straordinario che può arrivare fino a 120 rate in 10 anni.
A stabilire il numero di rate concedibili è uno studio sulla disponibilità economica del richiedente. E’ possibile ottenere più di 72 rate quando l’importo della singola rata supera il 20% del reddito mensile del nucleo familiare (parametro valido anche per le ditte individuali). Per le imprese, invece, la rata deve essere superiore al 105 del valore della produzione mensile.

Piano rateizzazioni ordinario 72 rate

Un piano ordinario di rateizzazione è molto più semplice da ottenere soprattutto per debiti fino a 50mila euro. Per ottenere tale piano di pagamento a rate basta compilare il modulo, disponibile anche su internet al sito di Equitalia, ma anche negli sportelli di Equitalia. Il modulo va riconsegnato a mano o spedito per raccomandata con ricevuta di ritorno.
Per importi che superano i 50mila euro, invece, bisognerà allegare i documenti che possano dimostrare la difficoltà economica in cui si versa.
Le rati possono essere, per scelta del richiedente, o costanti o variabili e crescenti. Con la rate variabili crescenti si ha la possibilità di pagare meno all’inizio e nella prospettiva di un miglioramento economico, pagare di più negli anni.

Decadenza piani rateizzazione

I piani di rateizzazione, sia ordinari che straordinari, possono essere prorogati una sola volta. Nel piano ordinario la proroga è di ulteriori 72 mesi, in quello straordinario fino a 120 mesi. Nel caso di mancato pagamento di 8 rate, anche non consecutive, si decade dal diritto di poter beneficiare del pagamento rateizzato.

Rate Equitalia, come fare domanda

La domanda va presentata, includendo i documenti necessari e quelli di riconoscimento, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, a mano presso uno degli uffici di Equitalia, o, per debiti inferiori ai 50mila euro, anche online.