mercoledì 8 aprile 2015

Conferenza internazionale di Città Logica - Lucca, 17 aprile

Veicoli elettrici, cargo-bike e i maggiori esperti di smart city si confronteranno per  seconda conferenza internazionale di Città Logica (Logical Town, www.logicaltown.eu), l'associazione nata a Lucca un paio di anni fa per mettere in rete buone pratiche e studiare nuovi progetti sul tema della mobilità sostenibile in ambito urbano che deve essere green, rispettosa dell'ambiente e impegnata verso un unico obiettivo: creare una logistica urbana a emissioni zero da qui al 2030. Si tratta di un incontro di estrema attualità, che conferma Lucca come punto di riferimento in Europa per la logistica urbana sostenibile nelle città di piccole e medie dimension (il 72 per cento degli europei vive in città con meno di 200mila abitanti): la base di partenza di tanti comuni italiani ed europei per lo sviluppo di un centro di distribuzione merci e per l'attenzione a proporre un sistema di mobilità che unisca il rispetto per l'ambiente con l'efficienza, la riduzione delle emissioni inquinanti con una maggiore sicurezza, vivibilità e salvaguardia dei centri storici.
Molti i temi e gli obiettivi che saranno al centro della conferenza dal titolo “Verso una logistica a emissioni zero con veicoli elettrici e cargo bike”. Partendo dalle linee guida tracciate dalla Commissione europea, che prevede la creazione di aree di logistica urbana senza emissione di gas clima-alteranti (Co2 free city logistics) entro il 2030, la giornata, che si svolgerà nella Cappella Guinigi, vuole fare il punto sullo stato dell'arte in Italia e in Europa per la mobilità sostenibile, a partire dagli strumenti di pianificazione, sulle tecnologie esistenti e sugli innovativi sistemi operativi, soffermandosi sulle migliori esperienze in materia di veicoli elettrici e uso delle due-tre ruote per la distribuzione delle merci. Numerosi i soggetti coinvolti, nazionali ed internazionali, da rappresentanti istituzionali a ricercatori, da imprenditori a tecnici. La distribuzione delle merci nelle aree urbane è, insieme al traffico privato, una delle principali fonti di consumo energetico, di emissioni di gas nocivi e di aumento dei livelli di rumore, ed è la causa di molti effetti negativi sulla vita e la qualità ambientale delle nostre città. Basti pensare che in una cittadina di 100/150mila abitanti, con circa 2mila punti vendita e una superficie d'intervento di 10km quadrati il trasporto merci ogni anno è responsabile della produzione di 3.500 tonnellate di anidride carbonica, 150 chilogrammi di particolato PM10, 1.140 chilogrammi di ossidi di azoto e, per concludere, di 2.200.000 chilowattora consumati (pari al consumo di oltre 810 nuclei familiari). Durante l'evento, inoltre, Città Logica consegnerà il Logical Town Award, il premio, appuntamento annuale dell'associazione, alla città europea più virtuosa in tema di mobilità e logistica urbana sostenibile.