martedì 5 maggio 2015

Un bando per sostenere l'efficienza energetica

FINANZIAMENTI EUROPEI - Tutte le misure giuridicamente vincolanti concordate all'interno della direttiva sull'efficienza energetica a livello europeo e nazionale dovranno, in tempi brevi, essere tradotte in azioni concrete sul campo. Per questo l'Unione Europea emana un bando che ha l'obiettivo di sostenere il coordinamento e le azioni messe in campo per il clima, l'efficienza delle risorse e delle materie prime.

Gli Stati membri devono, infatti, produrre e attuare piani nazionali d'azione sull'efficienza energetica e piani di azione nazionali per le energie rinnovabili, oltre ad avere l'obbligo di di elaborare piani d'azione dettagliati in settori specifici, come la ristrutturazione degli edifici o l'applicazione di cogenerazione ad alto rendimento ed efficienza, teleriscaldamento e sistemi di raffreddamento. Gli enti locali e regionali sono ugualmente coinvolti, sviluppando piani regionali e locali; le autorità di regolamentazione del settore energetico nazionale, ad esempio, dovrebbero fornire incentivi per gli operatori di rete (caldo/freddo e di energia elettrica) per rafforzare la rete, per la produzione di energie rinnovabili e attuare misure di efficienza energetica. Fare questo richiede competenze multidisciplinari, ad esempio, valutare le diverse opzioni energetiche sostenibili, in base a criteri tecnici, ambientali, economici e sociali. Si richiedono anche competenze per coinvolgere le parti interessate e i portatori di interesse sia nella definizione sia nell’attuazione delle soluzioni, oltre a captare i finanziamenti. La situazione per quanto riguarda l’applicazione di queste capacità varia da stato a stato; ad esempio, mentre alcune autorità pubbliche hanno una lunga tradizione di utilizzo di contratti di tipo energetico, altri non hanno ancora esperienze; o mentre pochi Stati membri obbligano le grandi città a sviluppare piani di mobilità urbana.

Il finanziamento è disponibile per le proposte che autorizzano le autorità pubbliche a sviluppare, finanziare e attuare ambiziose politiche e piani energetici sostenibili. Le proposte potrebbero includere strategie per migliorare la coerenza delle politiche energetiche sostenibili e misure a tutti i livelli di governo; il rafforzamento delle capacità destinati a enti pubblici per la pianificazione locale integrato e aumentando la capacità degli Stati membri di rispettare i loro obblighi ai sensi della direttiva sull'efficienza energetica. Settori di potenziale elevato risparmio energetico come edifici, l'industria e la mobilità dovrebbero avere la priorità.

Campo di applicazione
Le proposte che dimostrano un approccio innovativo per l'autonomia delle autorità pubbliche a sviluppare, finanziare e attuare politiche sostenibili di energia e piani, sulla base di dati affidabili e analisi. Gli attori pubblici dovrebbero essere incoraggiati a guardare ai settori ad alto potenziale di risparmio energetico, come gli edifici, l'industria e la mobilità urbana. La copertura geografica deve essere ben giustificata sulla base del valore aggiunto europeo. Il rafforzamento delle capacità dovrebbe essere parte integrante delle proposte di progetto.
Aumentare la capacità degli Stati membri di adempiere agli obblighi sull'efficienza energetica in base alla nuova direttiva.
Lo sviluppo di capacità in materia di energia integrata ai settori come la mobilità dei trasporti e pianificazione territoriale.
Sostenere le autorità pubbliche a collegare meglio i livelli territoriali e a pianificare le azioni per l'energia sostenibile integrata.
Stabilire nuove reti o potenziare quelle esistenti e altri meccanismi per diffondere la conoscenza e facilitare lo scambio di esperienze e di buone pratiche in materia di energia sostenibile.
Lo sviluppo di capacità su larga scala su finanziamenti innovativi.

Impatti previsti
Gli impatti devono essere misurati in termini di numero di funzionari pubblici coinvolti e il numero di politiche e nuovi strumenti adottati. Il numero di consumatori finali impattati dovrebbe essere misurato in milioni di persone.
Budget indicativo: per il 2015 59,3 milioni di Euro

Beneficiari
Qualsiasi soggetto giuridico, università o centro di ricerca stabilito nei 28 paesi UE, paesi EFTA/SEE (Norvegia, Islanda e Liechtenstein); paesi candidati; paesi ICPC (International Cooperation Partner Countries); Organizzazioni internazionali anche di paesi terzi non ICPC; soggetti giuridici sprovvisti di personalità giuridica, con responsabilità contrattuale e finanziaria.


Programma Horizon 2020

Priorità: sfide per la società

Azione “Per il clima, efficienza delle risorse e materie prime”

Titolo Bando Migliorare la capacità delle autorità pubbliche di pianificare e attuare politiche e misure energetiche sostenibili EE-07-2015

Tipo di azione: coordinamento e azioni di sostegno

Contributo a fondo perduto: 100% dei costi totali eleggibili

Scadenza bando
: 04/06/2015

Link: https://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/2372-ee-07-2015.html