giovedì 16 giugno 2016

#Startup: una legge europea per il mercato unico europeo, la proposta di Skype e Lastminute.com

I maggiori imprenditori europei, tra cui i fondatori di Skype e Lastminute.com, hanno chiesto una "start-up del mercato unico" per aiutare le imprese tecnologiche nella regione a costruire il prossimo Facebook o Google.

Attualmente la Commissione europea, braccio esecutivo dell'Unione europea, sta cercando di costruire il cosiddetto mercato unico digitale - un insieme di norme armonizzate in tutti i 28 Stati membri nei settori ivi compreso il diritto d'autore e l'e-commerce. La Commissione sostiene che questo potrebbe garantire 415 miliardi di euro all'anno per l'economia dell'UE.


Ma Brent Hoberman, co-fondatore di lastminute.com e presidente del Founders Forum, una rete di imprenditori tecnologici del mondo che sta dietro la richiesta di un "mercato unico delle startup", ha detto che il piano di rischio dell'Unione europea favorisce i business più grandi, ma non aiuta nella crescita.

"Cerchiamo di garantire che il mercato unico digitale non funzioni solo per le grandi imprese, ma sia qualcosa che funzioni per gli imprenditori di tutta Europa", ha detto Hoberman in una intervista telefonica alla CNBC.

Il mercato unico delle start-up ha lo scopo di creare un "quadro giuridico unico" per le nuove imprese.

"Uno speciale regime aziendale, accessibile a start-up qualificate, faciliterebbe un quadro giuridico unico, semplice e competitivo, societario, del lavoro, delle imposte/incentivi fiscali, delle stock option, dei fallimenti", ha dichiarato la Founders Forum in un comunicato stampa.

Hoberman ha detto che la mancanza di unità intorno ad un regolamento delle start-up ha fatto sì che l'Europa non sia stata in grado di creare enormi aziende come Apple e Facebook e ha portato ad una raffica di acquisizioni da parte di imprese statunitensi e cinesi.

"Ci sono ancora delle barriere. Ogni paese europeo applica una legislazione protezionista per proteggere le aziende più grandi. Le aziende più grandi possono permettersi di "attraversare le barriere". Se sei una piccola azienda, entri in questi mercati più tardi di quanto dovresti", ha detto a CNBC Hoberman.

La richiesta di un mercato unico delle start-up arriva nel momento in cui la Gran Bretagna si avvia verso il referendum sulla sua adesione all'UE. La "Brexit" sarebbe una "cosa terribile" per le aziende di tecnologia, secondo Hoberman.

"Loro (i fondatori) sono drammaticamente dentro (UE), perché è meglio per le imprese", ha detto alla CNBC Hoberman.

Un certo numero di importanti start-up europee hanno firmato un impegno per sostenere il mercato unico, tra cui Niklas Zennstrom, fondatore di Skype e della società di venture capital Atomico, Frédéric Mazzella, co-fondatore di BlaBlaCar, ed il co-fondatore di SoundCloud Eric Wahlforss.