mercoledì 13 luglio 2016

Una foto vale più di mille parole!


Questa fontana si trova a fianco alla chiesa di Sant'Andrea Apostolo, a Gallicano nel Lazio. Come potete vedere dall'immagine, è senza acqua (come molte altre fontane storiche di Gallicano) e completamente in decadimento. Intere generazioni si sono incontrate davanti a questa fontana, siamo in pieno centro storico, eppure ora cade a pezzi. C'era anche una terza colonnina, ma non si sa che fine abbia fatto. Una lastra che si è staccata è stata posta sotto il bacino, (è ben visibile) e sembra sia rotta.

Fate attenzione: non pensiate che la vergogna di questa amministrazione targata PD sia una vergogna che si ferma a livello comunale. Dovunque il PD non riesce ad esprimere una classe dirigente all'altezza dei tempi che viviamo. I giovani sono spesso marionette nelle mani di pupari della vecchia politica, mentre i vecchi, si sa, sono vecchi dentro. 
Che risultati, infatti, ha ottenuto il Partito Democratico di Gallicano nel Lazio? Quanto si è fatto rispettare? Cosa ha ottenuto per il territorio avendo una cospicua rappresentanza tra assessori e consiglieri regionali? La risposta è zero. Anzi, sotto zero. Non mi venite a raccontare che qualche elemosina per piccoli eventi sia un grande risultato.
Il nostro territorio in questi anni è stato ulteriormente marginalizzato, periferizzato, umiliato. Il commercio è stato praticamente massacrato; le infrastrutture? I lavori? I restauri? Da ridere quello che è successo. In provincia c’erano i soldi per la messa in sicurezza della cava San Sebastiano, ma non si sa dove sono finiti. Il nuovo comune è lì, con il suo scheletro in bella mostra; le scuole non ne parliamo; c’erano cantieri aperti ed ora non ci sono più, al massimo sono rimasti i bandoni o le ringhiere plastificate. Però c'è un megacimitero che ha da venire!!! Un forno crematorio, un impianto di smaltimento rifiuti. 
Se Gallicano avesse avuto una classe dirigente seria, attenta, lungimirante tutto questo sarebbe successo? Sarebbe successo tutto questo se chi avrebbe dovuto fare opposizione negli anni addietro, oggi si ritrova al fianco di chi governa, premiato da accordi politico-elettorali?

Di seguito il testo della mozione presentata oggi insieme al consigliere Betti.