lunedì 9 gennaio 2017

"Giornata della Terra. Giornata dei fiori. Giornata della pace. Giornata dei rotoli di carta igienica."


È detestabile che ci si debba ricordare di un'occorrenza una volta ogni 365 (o 366) giorni, quasi come se nei rimanenti fossimo legittimati a dimenticare il fatto che stiamo camminando, tutti e 7.400.000.000 il perimetro dello stesso pianeta.

È indice di una mentalità compartimentale, che non riesce a soffermarsi e concentrarsi su più eventi; sulle cause che li originano, al contempo.

Questa "noncuranza a pezzetti" può mettere a repentaglio molte cose a cui teniamo. Che non necessariamente devono essere le stesse per tutti: ma che dispongono comunque di un potere incisivo, capace di dare più sapore al vissuto.

Il pericolo implicito si riconosce, in gran parte, quando l'uovo è già un'ampia macchia di albume a terra.

Niente di così nuovo...