lunedì 31 luglio 2017

La risposta dell'Europa al nostro esposto sui roghi tossici a Roma



Non si è fatta attendere la risposta del Commissario Europeo all'ambiente Karmenu Vella al nostro esposto. Di seguito il testo "tradotto" e qui la lettera originale, in modo che tutti possano prenderne visione e trarre le dovute conclusioni.

mercoledì 12 luglio 2017

Le scelte dell' Amministrazione comunale nell'adozione degli strumenti urbanistici.

Sulle osservazioni formulate dai proprietari di un fondo interessato da nuova destinazione in seguito ad intervenuta variante del piano regolatore generale.
 
Cons. St., Sez. IV, Sentenza 8 maggio 2017, n. 2089

Premassima

Le osservazioni formulate dai proprietari di un fondo,  rappresentano un mero contributo collaborativo alla formazione degli strumenti urbanistici e non danno luogo a particolari aspettative; sicché il loro rigetto non richiede una motivazione dettagliata, essendo sufficiente che siano state previamente esaminate e ritenute in contrasto con gli interessi e le considerazioni generali poste a fondamento della formazione del piano regolatore generale.

Principio

Le osservazioni formulate dai proprietari di un fondo, relative alla circostanza dell'inserimento del medesimo fondo, dapprima in zona B residenziale di completamento, ed in seguito, con l'adozione del PRG comunale, in zona C di espansione residenziale, rappresentano un mero contributo collaborativo alla formazione degli strumenti urbanistici e non danno luogo a particolari aspettative, tali, da giustificare il ripristino della precedente destinazione in zona B. Pertanto. il rigetto delle ridette deduzioni non richiede una motivazione dettagliata, essendo sufficiente che le stesse siano state previamente esaminate e ritenute in contrasto con gli interessi e le considerazioni generali poste a fondamento della formazione del piano regolatore generale. Tra l'altro considerando che le scelte effettuate dall'Amministrazione comunale, nell'adozione degli strumenti urbanistici, costituiscono apprezzamento di merito sottratto al sindacato di legittimità, salvo l'ipotesi che non siano inficiate da errori di fatto o da abnormi illogicità, ne deriva che anche la destinazione attribuita alle singole aree non necessita di motivazione, essendo sufficiente l'espresso riferimento alla relazione di accompagnamento al progetto di variante al piano regolatore generale, sempre che non si sia in presenza di determinate situazioni tali da ingenerare aspettative o affidamenti in favore di soggetti, le cui posizioni, richiedendo all'uopo specifiche considerazioni, appaiano ragionevolmente meritevoli di tutela.
Cons. St., Sez. IV, 8 maggio 2017, n. 2089

martedì 11 luglio 2017

Le periferie di Roma si mobilitano contro i roghi

Da Centocelle a Ponte di Nona, i comitati di quartiere chiedon a gran voce lo stato di emergenza per i roghi che in questi mesi hanno messo a "ferro e fuoco" la periferia est della Capitale. Sono stati i comitati di Ponte di Nona, Colle degli Abeti e Centocelle a chiedere a gran voce al prefetto Basilone, al sindaco Raggi un intervento concreto. Soprattutto per le gravi conseguenze che, specialmente a Ponte di Nona e Villaggio Prenestino, hanno avuto e stanno avendo i roghi: gran parte dei terreni andati a fuoco sono pieni di sversamenti sotterranei di rifuti che, nei giorni successivi, stanno esalando odori nuaseabondi.

Leggi gli articoli su RomaEst.org e l'Osservatore Laziale.

lunedì 10 luglio 2017

#RomaBrucia, ESPOSTO ALLA COMMISSIONE EUROPEA

 

Oggi ho scritto al commissiario europeo per l'ambiente, Karmenu Vella (e ad alcune testate giornlistiche romane ed europee) per esporre il grave problema relativo ai roghi tossici della capitale.

Di seguito il testo inviato (in lingua inglese) ed il contatto del commissario europeo.
Inondiamo la sua casella di posta.



Each evening, looking out of our terraces, we see the black smoke of fires rising to the sky and scattering in the neighborhood. It is no coincidence to see the streets of nearby neighborhoods of garbage dumps. 

We ask the authorities to intervene and put an end to these toxic fires.

In every neighborhood of  the eastern part of Rome  there are continuous columns of acrid smoke rising almost daily and flooding houses and lungs of so many Romans. They told us all about the reasons why these blazes are generated: illegal waste traffic, abusive disposal of special waste, stolen copper being melted, juvenile arsonists not legally persecutable. The only reality facing so many words and facts is that plastic combustion  produces dioxin, and this organic compound is carcinogenic and has persistent, not easily biodegradable, high toxicity that is particularly accumulable in the food chain. Real poisons that spread in the air we breathe and on crops.

It's time to say enough! Neighborhood associations and committees moved to every institutional level (town hall, police station, prosecutor's office, mayor) without anything concrete being done to protect young and old. We ask the authorities to intervene and put an end to the population breathing the result of these toxic fires.

Please help us!

COME FARE PER INVIARLA

1) Copiate il testo in inglese per intero

2) Aprite il vostro account di posta elettronica: Gmail, Outlook, Libero, Virgilio, Alice, Email ecc. ecc.

3) Incollate il testo nel corpo del messaggio

4) Nell'oggetto copiate ed incollate questo: Stop toxic fire waste in Rome

5) Nel campo "A:" inserite il destinatario copiando e incollando questo indirizzo:
cab-karmenu-vella-contact@ec.europa.eu

6) INVIATE

Più siamo, più speranza abbiamo che ci ascoltino
 

#RomaBrucia Mappa interattiva dei roghi tossici a Roma



Ho creato questa mappa interattiva aperta al contributo di tutti
A cosa serve?
Può servire a mappare i roghi per rendere l'idea della gravità della situazione anche a chi non vive direttamente questo problema, ma che può comunque agire per prevenirlo.
Se riuscissimo ad aggiornarla anche in tempo reale potrebbe diventare utile ai fini del pronto intervento.

PER SAPERE COME FARE AD AGGIORNARLA CLICCA QUI

venerdì 7 luglio 2017

Associazione ARA, una speranza per i ragazzi autistici

Vi voglio parlare del progetto ARA - Associazione Risorse Autismo -Progetto di residenzialità per persone Autistiche.

Si tratta di una associazione nata per volontà di alcuni genitori di ragazzi autistici. Ho avuto modo di conoscere uno ei genitori che mi ha raccontato la sua storia.

Se vi raccontassi la vicenda di come ci siamo incontrati... beh... è sembrato proprio un segno del destino.

Ascoltai la pubblicità di questa associazione alla radio e decisi di contattarli su Facebook. Mi risposero mandandomi i loro contatti. Poi non ho più chiamato, purtroppo gli impegni mi avevano risucchiato.

Autismo, una nuova app per aiutare a fare amicizia (VIDEO)


Per coloro che hanno esigenze particolari, a volte può essere difficile fare amicizia, ma una nuova app sta aiutando le persone con autismo a connettersi con gli altri.

Autismo, ricerca Usa-Cina rivela: "La dieta influisce sui fattori ambientali".



Dopo una ricerca di più di 150 articoli su batteri autistici e intestinali, gli scienziati degli Stati Uniti e della Cina hanno suggerito che l'alterazione del microbioma intestinale può ridurre i sintomi del disturbo.
Dagli anni '60 gli scienziati hanno segnalato i legami tra la composizione dei batteri nell'intestino e il comportamento autistico. Ora, la squadra dietro la ricerca - che evidenzia anche molti studi che dimostrano che il ripristino di un sano equilibrio nei batteri intestinali può trattare i sintomi del disturbo dello spettro autistico (ASD) - hanno richiesto studi su vasta scala sugli effetti dell’alterazione dei batteri nel intestino.

#BastaRoghiTossici, Roma est si sta rassegnando?

ROMA EST SI STA FORSE  RASSEGNANDO A TUTTO QUESTO? 










giovedì 6 luglio 2017

Roma, Sciopero Atac: ripensare il modello di trasporto pubblico?

#Roma #sciopero #Atac

Ripensare il modello del trasporto pubblico. Non siamo più ai tempi della prima Repubblica, quando accumulando debiti si riusciva a sistemare ogni cosa. Oggi è necessario ripensare al trasporto pubblico locale in una chiave di governance delle nostre città e di Roma in particolare.

I motivi dello sciopero di oggi è bene conoscerli: si legge in un comunicato che "Atac vuole risolvere la sua crisi spremendo i lavoratori: dal 2015 parte del salario ordinario è diventato variabile, i carichi di lavoro sono aumentati e tutte le assenze, anche quelle per malattia e legge 104, gravano sullo stipendio. I lavoratori chiedono di poter votare con un referendum queste disposizioni".

mercoledì 5 luglio 2017

Riforma Orlando: modifica al codice penale, pubblicata in Gazzetta la legge 103/2017

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale n. 154 del 4 luglio 2017 la Legge 23 giugno 2017, n. 103, Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario, c.d. Riforma Orlando. La legge entrerà in vigore il 3 agosto 2017, salvo diversa disposizione.

Stipendio in ritardo: c’è un termine entro cui va versata la busta paga?

Il datore di lavoro ha l’obbligo di versare lo stipendio entro il mese successivo. In caso contrario il dipendente può procedere con una diffida, con una conciliazione presso la Direzione del Lavoro o con un decreto ingiuntivo.
Ormai ci siamo così tanto abituati ai ritardi nei pagamenti da non fare più caso a quando un bonifico arriva qualche giorno dopo rispetto alla data concordata. Quando però si parla di stipendi – stipendi che, a volte, consentono di raggiungere a stento la fine del mese – anche ventiquattr’ore di ritardo possono fare la differenza e segnare la mora con la rata dovuta alla banca, il protesto di un assegno o il distacco della luce. Di strumenti legali per costringere l’azienda a versare la busta paga ve ne sono svariati (leggi Se il datore non ti versa lo stipendio: 9 cose che devi sapere); ma a partire da quale momento il dipendente può iniziare a fare la voce grossa e fino a quando è tenuto invece ad aspettare prima di poter agire per ottenere ciò che gli spetta? In altre parole, in caso di stipendio in ritardo, c’è un termine entro cui va versata la busta paga?

Fumo passivo: l’azienda risarcisce il danno al dipendente

Se il lavoratore soggetto al fumo passivo dei colleghi contrae il tumore ai polmoni l’azienda deve risarcire il danno agli eredi.
Non basta affiggere il cartello «È vietato fumare»; il datore di lavoro deve anche vigilare che il divieto sia rispettato dai dipendenti in ogni ambiente chiuso. Diversamente, per l’eventuale malattia ai polmoni causata dal fumo passivo a uno dei lavoratori, l’azienda dovrà provvedere al risarcimento del danno. E se la patologia è talmente grave da determinare la morte del soggetto (come nel caso di tumore ai polmoni) l’indennizzo andrà versato agli eredi. È questo il succo di una interessante sentenza del Tribunale di Palermo [1].
Per il fumo passivo sul lavoro scatta il risarcimento del danno

Che fare se il bagno del lavoro è sempre sporco?

È possibile allontanarsi dal posto di lavoro per scendere al bar se il bagno dell’azienda è sempre sporco e in condizioni tali da non potersi sedere sul gabinetto?
Al cuor non si comanda. Ma il cuore non è l’unico organo che non accetta condizioni. I “bisognini” sono altrettanto intransigenti. Come si suol dire: “quanto scappa, scappa!”. Se poi ci si mette anche la colite hai poco di che star tranquillo: non ci sono ragioni e anche nelle peggiori condizioni si è obbligati a battere ritirata. E siccome la legge – al contrario di chi ha un mal di pancia – non si fa “scappare” nulla, anche la «pausa gabinetto» trova una sua regolamentazione, sebbene non in una norma specifica ma quantomeno nei principi generali che regolano il rapporto di lavoro. Il che significa che il capo non ti potrà mai negare di assentarti dalla scrivania se hai un’urgenza fisiologica. E del resto è obbligo dell’azienda predisporre i bagni all’interno dei locali. Ma che succede se, aprendo la porta del vespasiano, lo trovi in condizioni igieniche precarie, tali da non poterti neanche poggiare sulla tazza. In altre parole, che fare se il bagno del lavoro è sempre sporco?

Come mangiare al ristorante gratis e lavare i piatti

Chi non paga il conto rischia la querela. Ma ci sono dei casi in cui il cliente si può rifiutare di pagare. O lavare i piatti in cambio di un pasto.
La tipica scena da film: ti siedi a mangiare al ristorante, ordini pure una bottiglia di buon vino e al momento di pagare il conto ti accorgi di non avere soldi nel portafoglio e di aver lasciato la carta di credito a casa. Il ristoratore fa la faccia buia e, con l’indice, mostra la porta della cucina, dove ti toccherà lavare i piatti.
E’ una scena che può essere reale? Dipende solo ed esclusivamente dal ristoratore.
Non c’è una legge che preveda di poter mangiare al ristorante gratis e lavare i piatti

Saldi: i consigli dell'Unione Nazionale Consumatori

I saldi sono un’occasione per fare buoni acquisti. Ma a cosa bisogna stare attenti per comprare in modo consapevole e intelligente, dando un occhio al portafoglio e uno alla qualità ed evitando che qualche venditore faccia il furbetto?
Ecco i nostri consigli “anti-bidone”:

Occhio ai nostri dati quando scegliamo domotica o elettrodomestici connessi

Occhio ai nostri dati quando scegliamo domotica o elettrodomestici connessi :: Blog su Today

Avrete sentito parlare di Internet of things (la sigla è IoT) o molto più semplicemente di elettrodomestici connessi a internet, così da poterli gestire anche a distanza con comodità e (aspetto non trascurabile) possibilità di risparmiare energia.
In verità al giorno d'oggi sono incalcolabili gli oggetti del nostro quotidiano che possono essere connessi e gestiti online: dalla nostra auto al braccialetto che ci dice quante calorie abbiamo consumato durante il giorno.

Scoperta nuova farfalla rara nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Nei giorni scorsi la fotografa Angelina Iannarelli ha fotografato e segnalato l’avvistamento di una farfalla rara e molto localizzata, mai rinvenuta nel territorio del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. L’avvistamento è avvenuto a Monte Tranquillo di Pescasseroli a circa 1700 m di altitudine.
Si tratta di Aricia eumedon (Esper, 1780), già ricompresa nel Genere Eumedonia (Forster, 1938), della Famiglia Lycaenidae, la cui distribuzione va dalla Spagna a Capo Nord e, attraverso l’Europa e gli Urali, arriva fino alla costa pacifica dell’Asia.

martedì 4 luglio 2017

Roma, alunni disabili, progetto nuovo regolamento e 6,5 milioni in più.

"Garantire centralità nel sistema scolastico agli alunni disabili, contribuendo ad assicurare loro il pieno rispetto del diritto costituzionale all’istruzione e mettendo ordine nel quadro normativo e nell’erogazione dei servizi". Questi. in una nota del Campidoglio, gli obiettivi della proposta "finalizzata all’elaborazione di un Regolamento che disciplini il ruolo degli AEC, gli operatori impegnati nell’assistenza all’autonomia in favore degli alunni con disabilità". Il testo è stato presentato  dalla sindaca Virginia Raggi insieme all'assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre, alla presidente della Commissione Scuola Maria Teresa Zotta, al vicepresidente della Commissione Scuola Nello Angelucci e alla presidente della Commissione Politiche Sociali e della Salute, Maria Agnese Catini. 

Un traguardo che si intende raggiungere tramite il coinvolgimento di famiglie, operatori, dirigenti scolastici, educatori e organizzazioni del settore. L’impegno è certificato anche dall’ultima variazione al bilancio di previsione 2017-19, approvata lo scorso 23 giugno dalla Giunta capitolina, che prevede lo stanziamento di oltre 6,5 milioni di euro in più per i prossimi tre anni per il servizio dell’assistenza educativa agli alunni con disabilità, con il preciso scopo di ridurre le ingiustificate differenze territoriali.

"Non buttare la spazzatura a terra". Sgrida l'incivile, viene ridotta così

Tutto è uccesso nel quartiere Borghesiana, periferia est di Roma. A raccontare l'accaduto su Facebook è stato il figlio della vittima, una donna di 71 anni.

"Non lasciare la spazzatura a Terra": donna ferita a Borghesiana (Roma)
Una frattura alla spalla e punti di sutura al volto per aver chiesto ad un'automobilista di non lasciare a terra la spazzatura.



Cosa ormai non fa più scandalo a Roma? Le baracche sul tevere? O gli zingari che ricattano gli automobilisti? O i bastardi che gettano la mondezza per le strade? Cosa altro deve ancora accadere per porre risolutamente mano al problema sicurezza e civile convivenza in questa città?


Shopping online: ecco i metodi di pagamento più sicuri

Acquistare su internet in modo sicuro: quali sono i metodi di pagamento che ti tutelano?
Sono tanti i motivi per cui si compra su internet: la comodità di fare acquisti direttamente dal divano di casa, il fatto che non si devono portare sacchetti in giro per la città e soprattutto perché è economico. La cosa più importante Quando si decide di procedere con lo shopping online bisogna innanzitutto assicurarsi dell’affidabilità del sito e che metodo di pagamento è richiesto.  Quali metodi di pagamento bisogna scegliere?

Come si fa un ricorso in Commissione Tributaria?

Tutte le regole sulle cause in CTP e CTR per impugnazione degli atti dell’Agenzia delle Entrate e delle cartelle di pagamento di Equitalia: competenza, contributo unificato, tentativo di mediazione, notifica del ricorso, costituzione, prove, richiesta di sospensione.

Il processo tributario, che si svolge davanti alle Commissioni Tributarie (quella Provinciale in primo grado, quella Regionale in secondo) è regolato, al pari del processo civile ordinario, da norme che, per chi non è esperto del settore, possono rivelarsi insidiose e irte di ostacoli: dalla competenza del giudice al tentativo di mediazione, dalla regole sulla notifica del ricorso a quelle sulla costituzione in giudizio, dalle prove alle decadenze processuali, dal contenuto dell’atto di ricorso a quelle sulla possibile sospensione dell’atto impugnato.

Come riavere i soldi dal fisco?

Soldi versati in più rispetto a quanto richiesto? Tasse pagate ma non dovute?  Ecco come chiedere i soldi indietro al fisco.
Siamo umani e sbagliare o ricordare male può succedere, soprattutto quando ci sono di mezzo tasse e versamenti vari: può capitare, ad esempio, di versare una cifra superiore a quella effettivamente dovuta oppure di pagare una certa tassa quando, invece, non si doveva nulla. Niente paura e niente allarmismo: è possibile, infatti, riavere indietro le somma pagate ma non dovute. Vediamo, allora, come riavere indietro i soldi dal fisco. Ci renderemo conto che non è, poi, così difficile: basta fare richiesta di rimborso, in carta semplice, entro i termini previsti dalla legge tributaria e indirizzata a enti differenti a seconda del tipo di imposta pagata che si vuole riavere indietro.

Quali sono i bonus fiscali casa?

#Bonus mobili, ristrutturazione, #ecobonus e altre #agevolazioni fiscali per la casa: come funzionano ed entro quando richiederle.
Ancora 6 mesi per fruire della maggior parte delle agevolazioni fiscali sulla casa: si va dal bonus ristrutturazione, che dopo il 31 dicembre 2017 sarà ridotto dal 50% al 36%, all’ecobonus, che sarà prorogato a metà, al bonus mobili che scomparirà totalmente; addio, nel 2018, anche all’Iva agevolata sull’acquisto delle case ad alta efficienza energetica e alla deduzione sulle case da affittare.
Con la prossima legge di bilancio, è vero, queste misure, o alcune di esse, potrebbero essere prorogate: ad oggi, comunque, non si ha ancora nessuna notizia certa e non appare molto probabile una proroga, a causa delle scarse risorse economiche a disposizione.
Se devi ristrutturare casa, acquistarla o effettuare degli interventi importanti, dunque, è consigliabile farlo entro il 2017. Ma procediamo per ordine e vediamo quali sono le agevolazioni attualmente operative e che cosa succederà agli incentivi nel 2018.

lunedì 3 luglio 2017

Nuovi contatori Enel: cosa cambia?

Conoscere e ridurre i consumi energetici, monitorare la rete di bassa tensione e migliorare la gestione del servizio. Con queste finalità nasce "Open Meter" il nuovo contatore elettronico 2.0 che permetterà di risparmiare elettricità, conoscere quasi in tempo reale e ridurre i consumi. Un progetto all'avanguardia nel mondo, secondo l'amministratore delegato ldi Enel, Francesco Starace. 

Quando è possibile non pagare la multa?

Tutti i metodi di ricorso contro le multe per violazione del codice della strada: ecco quando è possibile impugnare il verbale e fare ricorso al giudice di Pace o al Prefetto. Ma attenzione: in caso di rigetto del ricorso le conseguenze possono essere peggiori.

Un tempo, quando arrivava una multa, la si impugnava quasi sempre. Le cause al giudice di pace, per gli importi più bassi, erano gratuite e difficilmente, in caso di rigetto del ricorso, il giudice condannava alle spese processuali. Oggi le cose non stanno più così: il contributo unificato si paga anche per piccole somme e il magistrato, in caso di soccombenza, è tenuto a liquidare le spese legali sostenute dall’amministrazione avversaria (salvo ricorrano ipotesi difficilmente riscontrabili nel caso di contravvenzioni). Ecco perché, prima di avventurarsi in una causa, è bene conoscere le multe che si possono evitare di pagare e quelle che, invece, è meglio estinguere subito. Ma procediamo con ordine.

Usucapione: è possibile su terreni comunali e provincali?

Terreni di proprietà pubblica, del Comune, della Provincia, della Regione o dello Stato: l’usucapione non è possibile solo per gli immobili che rientrano nel demanio indisponibile.
Immaginiamo di aver recintato un tratto di terra che, in verità, appartiene al Comune o alla Regione, e di averlo utilizzato come se fosse nostro (ad esempio coltivandolo e sfruttandolo per i nostri scopi); o di aver asfaltato una piccola striscia di terreno pubblico e di averne fatto una strada, chiusa con un cancello, per raggiungere la nostra abitazione; o che il nostro condominio abbia messo una sbarra su un’area del Comune, adibendola a parcheggio dei proprietari degli appartamenti. Immaginiamo che tale situazione si sia protratta a lungo, per oltre 20 anni, senza che la pubblica amministrazione abbia mai rivendicato la proprietà suolo. È possibile, in questi casi, formalizzare il passaggio di proprietà dal pubblico al privato attraverso l’usucapione? In altre parole è possibile l’usucapione su terreni del Comune o della Provincia? Se è vero sicuramente il contrario – la pubblica amministrazione, infatti, a determinate condizioni può usucapire i terreni dei cittadini – il privato non ha, in genere, il potere di usucapire un terreno pubblico. Cerchiamo di capire dunque i limiti e le condizioni per il trasferimento di proprietà di un terreno dallo Stato, dalla Regione o dal Comune al cittadino privato.

INPS, attenti alle fake news sui social

#inps #fakenews #socialmedia

L'Inps lancia un monito agli utenti mettendoli in guardia dalle numerose pagine fake presenti su Facebook, profili che fanno riferimento all'Istituto ma che in realtà usano il logo in modo improprio.

«Queste pagine si sono auto-generate e non possono essere chiuse perché è impossibile risalire a un fondatore/amministratore. L'Istituto, attraverso la Direzione centrale Relazioni esterne, ha segnalato alla stessa Facebook ed alla Polizia Postale i profili e i post contenenti ingiurie e minacce nei confronti dell'Istituto e dei suoi dipendenti. Nello stesso tempo il presidente Boeri ha inviato una lettera alla direzione di Facebook in Irlanda chiedendo la verifica e l'eventuale chiusura delle pagine stesse.»

Maturità: i cambiamenti dal 2019

#maturità #2019 #scuola

Sono in pieno svolgimento gli esami di maturità 2017, con tutta probabilità la penultima sessione degli Esami di Stato a essere strutturata secondo tre prove scritte, oltre al colloquio orale.

A partire dal 2019, infatti, i cambiamenti saranno numerosi: lo scorso aprile il Consiglio dei Ministri ha approvato alcuni decreti attuativi della legge sulla Buona Scuola tra cui rientra anche l'adeguamento della normativa inerente gli Esami di Stato, la valutazione e la certificazione delle competenze degli studenti al termine del percorso di studi della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Morto per una ambulanza che non c'era

#RegioneLazio #sanità #disservizi 

Il 28 maggio moriva all'ospedale di Bracciano un plurinfartuato. Non per la complessità della patologia, non per la rarità di chissà quale morbo ma, a quanto pare, per la mancanza di una ambulanza che lo portasse al Sant'Andrea.

Di seguito le parole di Maritato, presidente AssoTutela. 
Eppure gli ultimi comunicati della Regione Lazio parlano di cure sanitarie migliorate. Forse quello di Bracciano potrà essere un caso isolato? C'è da augurarselo. Intanto registriamo una morte per mancanza di una ambulanza. 

Al Piemonte il primato per boschi e foreste

🌲🍁#Ambiente #Foreste 
Se in alcune aree del nostro Paese foreste e boschi diminuiscono a causa di incendi e speculazioni, c'è una regione che negli ultimi 15 anni ha visto aumentare la superficie forestale: il Piemonte. Dal 2000 al 2015, in Piemonte i boschi sono aumentati di oltre 57 mila ettari, arrivando a occupare il 38% del territorio con ben 52 specie arboree e 40 specie arbustive. 

Vacanze gratis con il baratto

🏡 👫 #Condivisione #SharingEconomy #Economiasolidale 
 
Non ci crederete ma potete andare in vacanza gratis, come? Con il #baratto! Sul portale Barattobb.it centinaia di Bed & Breakfast in tutta Italia offrono soggiorni gratuiti in cambio di beni o servizi, come una mano nella raccolta di olive o piccoli lavori di giardinaggio o di riparazione oppure offrendo un book fotografico o lezioni di tango. 

A Bologna la solidarietà che sposa il riuso

♻️🛏🗄 #Riuso #Volontariato #Solidarietà 
 
A Bologna da poco più di un anno esiste un mercato di mobili e oggetti usati dove è possibile comprare pagando in ore di volontariato. L’idea è dell’associazione Piazza Grande che, grazie al progetto “Cambia il finale”, ha recuperato in un solo anno oltre 714 tonnellate di rifiuti ingombranti. Oggi tutti quegli oggetti, raccolti in un magazzino di 1.500 mq, sono a disposizione di chi ne ha bisogno e nel fine settimana si possono ‘comprare’ offrendo qualche ora del proprio tempo per aiutare gli altri. 

Volontariato: il ruolo del "rospista"

🐸👷🏻‍♀️🚦#Animali #Volontariato #Cosapuoifaretu
 
Uno dei volontariati più diffusi è senz’altro quello a tutela degli animali. In Italia sono migliaia i volontari animalisti: offrono rifugio e cure ad animali feriti, maltrattati o abbandonati, lottano contro il bracconaggio e gli allevamenti intensivi, difendono gli habitat e l’esistenza di animali grandi e piccoli. 
Tra le tante attività che svolgono una è davvero speciale. Sto parlando dei cosiddetti volontari “rospisti”: sono volontari che garantiscono ai rospi la possibilità di migrare in sicurezza dai boschi verso laghi, stagni, fiumi e qui deporre le uova. 

domenica 2 luglio 2017

Pet Therapy all'oncologico Isola Tiberina di Roma

🐶👩🏻‍⚕️🏩 #Salute #Sanità 
Se passeggiando per i corridoi del Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma vi sembra di vedere scodinzolare degli amici a quattro zampe, non state sognando, vi trovate nella sala d'attesa del reparto di Oncologia.