lunedì 26 novembre 2012

Belle parole e fatti concreti...

Pare che ormai la politica gallicanese si svolga solo ed esclusivamente attraverso facebook. Dispiace. Dispiace perché credo ancora nel contatto diretto con le persone. Tuttavia Facebook è uno straordinario strumento di propaganda e condivisione di pensieri. Il suo successo è dovuto al fatto che chiunque, in qualunque condizione, sa ed è certo di essere ascoltato/letto. E' questo che certa politica non ha capito. Certa politica che non ascolta, ma parla, certa politica che impone e non condivide. Tale politica non può convincere nessuno, semmai allontana e scoraggia. Ma facebook diventa anche uno strumento ingannevole. Sebbene ascoltati, perdiamo quel contatto diretto che, solo, può garantire fiducia e trasparenza nelle persone. Il famoso guardarsi negli occhi. Ecco perché taluni commenti apparsi su facebook riguardo alla politica gallicanese, possono suscitare solo umorismo e pena. Pena per un paese ancora preso in giro da quattro populisti che preferiscono fare i "rivoluzionari" da tastiera, che preferiscono giudicare (senza nemmeno conoscere o sapere il pensiero altrui). Ma non voglio parlare di questi. Vorrei ringraziare chi mi ha dato la possibilità di poter lavorare per ciò in cui credo. Ringrazio chi mi ha aperto gli occhi per tempo rispetto a scelte che avrei potuto fare senza valutarne le conseguenze. Mi servirà certamente in avvenire. Credo che non sia la calunnia la miglior ricetta per migliorare Gallicano. Questa è solo ignoranza e Gallicano non ha bisogno di ciò per crescere. Essersi fidati di una persona giovane come me, è un fatto. Non sono solo parole, sono fatti concreti che qualcuno si è assunto la responsabilità di compiere, mentre qualcun altro ha solo il tempo di boicottare. Evidentemente è la strada giusta ed io, insieme ad altri, sono in cammino. Tutti si riempiono la bocca di belle parole, ma tali rimangono se non si ha il coraggio o la possibilità di portarle avanti. L'aspirazione innata di un giovane è quella di cambiare il mondo, ebbene c'è chi sogna tutto questo insieme a me. Non facendo le barricate, non insultando, non provocando, ma solo proponendo progetti, credendo nelle persone.
Faccio appello a tutti coloro che credono in un paese migliore, alle persone positive. 
Come diceva Pablo Neruda, 

La speranza ha due bellissime figlie: lo sdegno e il coraggio...
Lo sdegno per la realtà delle cose; il coraggio per cambiarle.