giovedì 28 agosto 2014

#gallicanonellazio: polizia locale, costo standard e costo effettivo

clicca sull'immagine per ingrandire
In questo grafico è rappresentato l'andamento negli anni del costo pro capite della Polizia Locale del Comune di Gallicano nel Lazio. Si va dai 40€ ca. del 2007, fino agli oltre 70€ del 2012. 

L'articolo 6, comma 1 del D.Lgs. 26/11/2010 n. 216, riguardante le "Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard di Province, Città Metropolitane e Comuni", determina anche il fabbisogno standard della Polizia Locale.

LA POLIZIA LOCALE
Le Funzioni di Polizia Locale si compongono di tre differenti servizi: la Polizia Municipale, la Polizia
Commerciale e la Polizia Amministrativa.
Con la locuzione Polizia Municipale si intende quel servizio di polizia attivo in Italia che viene fornito dagli Enti Locali, siano essi Comuni, Unioni di Comuni, Consorzi o Comunità montane, con competenza limitata al
territorio dell'Ente dal quale dipende e dalle Funzioni di Polizia ad esso attribuite dalla Costituzione e dalle leggi di attuazione.
I componenti il Corpo di Polizia Municipale sono agenti di Polizia Locale ai sensi della legge quadro n° 65/1986. Essi rivestono la qualità di agenti di Polizia Giudiziaria, oltre che la qualifica di agenti di Pubblica Sicurezza. Pertanto oltre che operare alle dipendenze del Sindaco, quale Capo dell'Amministrazione, esercitano le proprie funzioni sotto la direzione del Pubblico Ministero.
La Polizia Municipale è investita di una serie di attribuzioni e compiti istituzionali di notevole estensione e di
fondamentale importanza per la collettività locale. Essa si occupa non solo della viabilità e della regolazione del traffico, ma anche di compiti estremamente vari che comprendono attività di prevenzione e di repressione, di vigilanza e di accertamento, di carattere esecutivo, amministrativo o tecnico. Sono compiti modificati dal continuo evolversi della vita sociale e dalle necessità legate al progresso sociale.
La Polizia Commerciale è tenuta a una vigilanza diretta a verificare la regolarità della condotta degli esercenti la vendita, nelle varie forme stabilite dalla legge: commercio in sede fissa, commercio su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande. Tali compiti riguardano soprattutto i controlli relativi alle seguenti specifiche discipline: possesso dei documenti che legittimano l’attività commerciale, orari e giorni di vendita, pubblicità dei prezzi, vendite straordinarie, normativa sui pesi, norme e controlli per la tutela igienico-sanitaria degli alimenti e delle bevande, controllo delle autorizzazioni sanitarie, norme sull’etichettatura delle merci. Oltre al controllo dell’osservanza delle norme da parte dei commercianti il compito della polizia commerciale incide direttamente sulla tutela dei consumatori.
Il ruolo della Polizia Amministrativa si lega al decentramento di numerose funzioni di amministrazione attiva
dallo Stato agli Enti Locali che si esplica quindi nell’attività di regolamentazione di determinate attività, nella
valutazione dei rilasci di permessi per le medesime e nell’imposizione di sanzioni amministrative in caso di
violazioni.

IL CERTIFICATO DI BILANCIO
Il Certificato di Conto Consuntivo (CCC): la fonte informativa finanziaria per la misurazione della spesa delle
amministrazioni comunali è rappresentata dai CCC, resi disponibili annualmente dal Ministero dell’Interno. I dati rilevati nei CCC, per accertamenti/incassi e impegni/pagamenti, costituiscono una rappresentazione sintetica delle informazioni contabili iscritte nel Rendiconto al Bilancio di ciascuna Amministrazione Comunale. Nei CCC, i dati di spesa sono suddivisi in quadri e sono esposti, sia per le spese di parte corrente sia per gli investimenti, tramite una classificazione di tipo funzionale. È presente inoltre, per ciascuna funzione, un’articolazione per servizi che consente di evidenziare per le Funzioni di Polizia Locale: le spese afferenti la Polizia Municipale, le spese della Polizia Commerciale e della Polizia Amministrativa. Alla classificazione funzionale si aggiunge una distinzione per categoria economica che consente, per ciascuna funzione, di individuare le spese correnti secondo la seguente articolazione:
1. Personale;
2. Acquisto di beni di consumo e/o di materie prime;
3. Prestazioni di servizi;
4. Utilizzo di beni di terzi;
5. Trasferimenti;
6. Interessi passivi e oneri finanziari diversi;
7. Imposte e tasse;
8. Oneri straordinari della gestione corrente;
9. Ammortamenti di esercizio.


Dunque, se per ogni funzione il valore monetario del fabbisogno standard di ciascun comune è stato trasformato in una quota percentuale (fabbisogno standard dell’ente / somma dei fabbisogni standard di tutti gli enti) da usare come coefficiente di riparto dell’ammontare totale di risorse
(capacità fiscale standard + perequazione) attribuite al finanziamento di quella funzione e se il coefficiente di riparto del Comune di Gallicano è 0,000082238718 mentre l'ammontare totale delle risorse è pari a 2.629milioni di €, il risultato che si ottiene è:

216.205,60

che dovrebbe corrispondere al costo standard della polizia locale di Gallicano nel Lazio tenuto conto dei dati forniti dal MEF e dal COPAFF. Dunque molto meno degli oltre 433.000 € del consuntivo 2012.