lunedì 5 settembre 2016

6 modi con cui l'autismo di mio figlio mi ha cambiata - la testimonianza di Tulika - parte III

La famiglia Vedant
Nella prima parte ho iniziato a parlarvi dell'esperienza di Tulika. Penso che sia importante conoscere esperienze di questo tipo per non abbattersi di fronte ad una diagnosi di autismo e perché no, a non averne paura. Di seguito potete leggere la terza parte della testimonianza. Qui la seconda.




Parliamo di pazienza. Un giorno di capelli spettinati non è mai stato un problema per me. Tutto quello che dovevo fare era prendere quel paio di forbici e tagliare tutto. Non ho mai avuto la pazienza di vedere le cose attraverso un diverso punto di vista. Non ho potuto rigiocarmi la mia vita in un test sulla pazienza, perché volevo crescere ed in fretta.

Oh bene ... non poteva essere diverso per mio figlio, che ha deciso di venire al mondo con 6 settimane di anticipo. Non vedeva l'ora, probabilmente. Credo che sia nei geni.


Ma l'autismo ha deciso di sistemare le cose per me. Sono una mamma più paziente ora. Aspetto che le sue crisi passino, che si stanchi. Ho aspettato per lui per ricambiare un "Ciao". Negli ultimi 4 anni ho pazientemente cercato di insegnargli il colore rosso, e ci sto ancora lavorando. Sto ancora aspettando per lui ... con molta pazienza ... a parlare con me stessa, per portare a casa un amico o per chiedere un giocattolo. Ho imparato ad aspettare, ad essere paziente e continuare a provare, perché se c'è una cosa che l'autismo ti insegna, è la resistenza.