giovedì 20 aprile 2017

Atac, Raggi esulta per licenziamento di 33 lavoratori, ma il sistema resta marcio!!!

Oggi ilMessaggero.it titola, quasi con enfasi ed orgoglio:  Roma, l'azienda licenzia 33 dipendenti Atac. Raggi: finita l'epoca di Parentopoli.

Di seguito il testo dell'articolo, inframezzato da alcune mie riflessioni personali. 
Via i 33 assunti in Atac ai tempi di Parentopoli. L'azienda di via Prenestina ha inviato le lettere di licenziamento ai diretti interessati. La municipalizzata del Campidoglio, si legge in una nota interna, ha dato corso a quanto richiesto dal Tribunale «per riprestinare la legalità», spiega l'amministratore unico Manuel Fantasia. Si chiude così una vicenda iniziata più di sei anni fa durante l'amministrazione di Gianni Alemanno. Quando vennero assunti mogli, figli, amiche, parenti in genere di esponenti politici legati alla destra romana. E' stata una sentenza del tribunale di Roma a far scattare i licenziamenti. Nelle 125 pagine di motivazioni i giudici scrivono che  «diventa doveroso da parte dei soggetti competenti provvedere al ripristino della legalità». Le posizioni ricoperte che saltano sono tutte amministrative: dai dirigenti ai quadri impiegati.
Chi ha firmato le lettere di assunzione? Chi era incaricato di selezionare, in qualche modo, i candidati? Si tratta di un vero mistero se i sindacati stessi non ne sapevano assolutamente nulla. 

«È finita la stagione di Parentopoli - scrive Virginia Raggi su Facebook - Abbiamo voltato pagina da quel periodo buio e nella maniera più esemplificativa: l'Atac ha cacciato i dipendenti assunti in modo illegittimo ed illecito. Le lettere di licenziamento di oggi segnano una nuova era per l'azienda del trasporto pubblico di Roma, un'era fatta di legalità e trasparenza dove si punta al merito e non alle assunzioni clientelari. Basta favori agli amici degli amici. Basta agli sprechi. Basta all'opacità del passato. Noi stiamo rilanciando l'Atac con azioni concrete e vogliamo ridarle dignità». Secondo la sindaca, «chi ha governato prima di noi l'ha abbandonata, maltrattata, abusata. Noi invertiamo la rotta: la stiamo risanando per rilanciarla - aggiunge Raggi - Perché l'Atac, lo dico ancora una volta, è dei cittadini. Appartiene ai romani. E loro non si meritano più altri schiaffi come quello di Parentopoli».
Un sindaco che si scaglia contro i lavoratori (meri fruitori di un sistema clientelare) e non contro chi è stato l'esecutore materiale di una rete di clientele che ha sorretto un sistema marcio, che sindaco è? Che senso ha colpire i lavoratori quando è lapalissiano che il pesce puzza dalla testa? 
«Dopo anni di opacità torna la legalità in Atac. Con il licenziamento di chi è stato assunto in modo illegittimo e senza che fosse rispettato alcun criterio di merito, mettiamo fine alla stagione di Parentopoli. E questo è un ulteriore segnale della direzione in cui stiamo andando - commenta l'assessore capitolino alla mobilità Linda Meleo - Abbiamo voltato pagina da quel passato in cui dominavano logiche clientelari, illeciti e politiche che premiavano solo gli amici degli amici. Lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo ancora una volta oggi: non accetteremo nessun compromesso con l’illegalità».
L'illegalità poteva tornare se fossero stati puniti coloro che tramano dietro le quinte di un sistema duro a morire e che ha reso (non solo lui, ma con buona parte di colpa) il trasporto pubblico romano un vero e proprio schifo. In tutti i sensi.